Regione Autonoma della Sardegna

Villaspeciosa

Arte e Cultura - Villaspeciosa

Villaspeciosa: territorio

 

Villaspeciosa, ubicato nella parte terminale del basso Campidano ai confini con l'area vasta di Cagliari e l'area dell'Iglesiente, infatti dista dal capoluogo meno di 20 Km. La sua posizione lo pone anche a breve distanza dal mare, è infatti a circa 20 chilometri dal porto canale pertinente alla zona industriale di Cagliari ed alle località turistiche marine del sud Sardegna e a circa 40 chilometri dall'area mineraria del Sulcis Iglesiente.

Costituisce uno dei centri urbani a corona dell'area metropolitana del capoluogo e come tale ha risentito delle forti spinte modificative che il capoluogo riversa sull'hinterland incidendo in modo visibile sui modi di vita e di conseguenza, anche sulla struttura e morfologia del tessuto urbano.

Nel corso di questi ultimi anni è stato notevole l'incremento della popolazione, ormai sono stati superati i 2000 abitanti, e il contestuale sviluppo urbanistico-edilizio.

L'abitato di Villaspeciosa si estende su un'area completamente piana all'interno di un territorio che solo al confine Nord-Ovest mostra un profilo lievemente ondulato ed attraversato per un lungo tratto dal fiume Cixerri.

L'attività agricola dei suoi abitanti, nonostante la forte crisi del settore rispetto alle altre attività produttive, influenza ancora la struttura urbana , infatti nel "Vecchio Centro" sono presenti diverse costruzioni, erette con l'utilizzo dei mattoni crudi, con impianti a "corte", che caratterizzava anticamente la casa campidanese dei "possidenti". Vi sono anche esempi di architettura "povera" legata anticamente alla condizione di "servi" ed attualmente poco adatta ad un riutilizzo in armonia con le moderne esigenze di tutti i cittadini.

L'attività economica è differenziata. Il settore agricolo che vede occupata circa un quarto della popolazione attiva con la trasformazione da conduzione di tipo familiare su grandi estensioni territoriali, all'incremento dei lavoratori dipendenti e la presenza di piccole aziende (il 57% delle aziende agricole dispone di superfici non superiori ai tre ettari ). Coltivano cereali, ortaggi e foraggi poi utilizzati per l'allevamento del bestiame (ovini), anch'esso praticato in prevalenza in piccole aziende, comunque organizzate con sistemi moderni.

Rispetto alla situazione di alcuni anni fa in cui erano presenti poche industrie; un caseificio, tre mobilifici e una di lavorazione di minerali, a seguito dello sviluppo dell'Area Industriale denominata PIP, sono attualmente operanti diverse attività produttive: un salumificio, una falegnameria industriale etc,. Sono stati già assegnati trentasei, sulla totalità di quaranta lotti predisposti.

Il 78% della popolazione attiva è occupata in settori diversi dal primario, questo anche a causa della vicinanza col capoluogo.

 

torna all'inizio del contenuto